La chiamano BUCA ma per molti dal 1997 è diventata una seconda casa. Un locale completamente gestito da giovani per i giovani.

“Circondatevi di persone che vi facciano sentire come di domenica in pigiama sotto il piumone oppure che vi facciano sentire a casa sempre”.

Condividi